25 febbraio 2007

Grind & House

Credevo fosse una di quelle fesserie messe in giro tanto per parlare, mentre invece sembra proprio che il Double Feature firmato Tarantino e Rodriguez uscirà in Italia (Europa?) diviso in due film e in tempi diversi. Un po’ come la scissione della coppia Boldi e De Sica che è servita a raddoppiare (quasi) i biglietti venduti, questa separazione degli episodi di GrindHouse è operata unicamente per attirare più gente al cinema. Ovviamente esiste una versione dei fatti ufficiale che pone le sue basi sul fatto che gli spettatori italiani siano deficienti, ossia che non essendo noi avezzi agli spettacoli cinematografici doppi rischiamo di “non capire” lo spirito del film. Come se in Italia non avessimo idea di quello che succede nel resto del mondo. Inoltre c’è da dire che se anche non abbiamo avuto i Grindhouse (è stato proprio un male?) abbiamo comunque una tradizione di film a episodi che parte dagli anni ’50 fino ad arrivare agli ’80 con Montesano, Celentano e Pozzetto, oltre che una produzione di b-movies talmente vasta da essere tra le principali fornitrici proprio dei grindhouse americani. Ma l’occasione per i distributori e per la produzione è troppo ghiotta. I due film per uscire separatamente dovranno essere allungati, e quindi l’episodio di Rodriguez sarà infarcito di scene tagliate che in USA non vedranno fino all’uscita del DVD mentre per quello di Tarantino credo si ricorrerà ad allungare i famosi finti trailer che nel progetto originario dovevano intervallare i due film. Almeno pare che i titoli Death proof e Planet terror non saranno tradotti.

5 commenti:

Noodles ha detto...

Non so quanto possa giovare al film questa divisione, anche e soprattutto se i due film poi verranno - per forza - "gonfiati" per raggiungere uno statuto autonomo, visto che insieme forse raggiungono il minutaggio regolare di una pellicola normale.

dandyna ha detto...

benvenuto nel posterone!!!

BenSG ha detto...

Come dicevo in altra sede, questa operazione commerciale per noi cerebrolesi andrà solo ad incentivare il download del film in divx in lingua originale sottotitolato in italiano da qualche volenteroso appassionato.

Un po' come è successo per "Borat" (anche se per altre motivazioni): ovunque si vada a leggere sul web, pare che sia già stato visto da tutti.

Insomma, COMPLIMENTONI AL MARKETING!


BenSG

BUDOKAN ha detto...

Veo que la expectativa por la película de Tarantino es igual en todo el mundo.

Kinemazone ha detto...

@budokan: Eh sì. Da voi arriverà tutto in sieme o diviso in due ?

Ciao