05 giugno 2006

Lady in the water

Il teaser-trailer di Lady in the Water utilizzava la colonna sonora composta da Louis Bacalov (o Sergio Endrigo?) per Il Postino, il film postumo del caro Massimo Troisi, e per questo mi aveva commosso. Nel vedere oggi il trailer quella commozione è ovviamente sparita, ma resta il fascino di un film non ben classificabile in un genere se non andando a guardare le produzioni di Shyamalan. La storia è quella di un custode di un condominio che scopre che all'interno della piscina del complesso in cui lavora vive una ninfa. Un tema tipico del primo Ron Howard (Splash, Cocoon) ma perfetta continuità del cammino intrapreso dal regista indiano che già con The Village ha mostrato la sua predilezione per il genere fantasy come componente essenziale del mistery puro dei primi film (Il sesto senso, Unbreakable). Se la ragazzina cieca di The Village era un moderno (?) Cappuccetto Rosso, qui la ninfa Bryce Dallas Howard (figlia di Ron, guarda caso) ricorda più Ariel la sirenetta di Andersen che una delle raffigurazioni della Dafne della mitologia greca.

Mi fido molto di Shyamalan che ritengo uno dei pochi artigiani del cinema rimasti ad Hollywood e dal quale ci si può aspettare belle sorprese.

Il film uscirà in Italia a fine settembre, quando le piscine saranno quasi tutte svuotate.

Probabilmente i nostri distributori, preoccupati per l'adozione italiana del termine "water", penseranno ad un titolo in lingua, anche se La ragazza nell'acqua fa pensare a un'annegata.



www.ladyinthewater.com

1 commenti:

ava ha detto...

io Shyamalan non lo reggo ma la locandina e' davvero caruccia..