30 aprile 2006

H2Odio

di Ferdinando Carcavallo

Non sono certamente un fan del regista Alex Infascelli. Non mi è piaciuto Almost Blue e considero Il siero della vanità un' opera alquanto imbarazzante per la sua superficialità. Devo ammettere, pero', di aspettare con curiosità di vedere H2Odio, film che se anche già dal titolo si presenta banale (io al liceo avevo coniato VH2O come formula del latte) ha comunque l'attrattiva di essere il primo lungometraggio italiano ad essere distribuito direttamente in DVD e per lo più nelle edicole (allegato a La Repubblica e L'Espresso). L'operazione, che già negli USA è un dato di fatto, mi sembra interessante per gli sviluppi che potrà avere come forma di distribuzione alternativa, anche se nello specifico non possamo parlare ancora di distribuzione indipendente (L'Espresso non è L'Internazionale). Certo il pilota di questa operazione non poteva essere Tornatore o Salvatores, ma bisogna riconoscere al gruppo editoriale il merito di aver rischiato comunque un pochino puntando su un regista giovane (non tra i migliori) e su un genere (il fantasy-horror) che in Italia sta prendendo piede soprattutto nelle produzioni indipendenti (Il mistero di Lovecraft). Rotto il ghiaccio con Infascelli ci auguriamo di vedere in futuro delle proposte in DVD di film di qualità che non sono riusciti ad arrivare al grande pubblico e non solo ri-proposte di filmoni che nelle sale hanno già incassato milioni.
Apprendiamo da L'Espresso che dopo la distribuzione in DVD il film di Infascelli sarà disponibile sui videofonini, PSP e VideoPod. Tutto ciò ci intristisce un po', in quanto già la visione televisiva di un film non può essere considerato cinema, figuriamoci poi sui 2.2 pollici e cuffiette.

La recenZOne

,

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma no...Il siero della Vanità era un bel film. E Almost Blue è stato uno dei migliori film usciti in quel periodo. Mi aspetto molto da questo H2ODIO, anche se condivido la banalità del giochino del titolo, molto più efficiace nella versione inglese "Hate 2 O".

Ale

BenSG ha detto...

Speriamo in ben, diamogli un po' di fiducia a questo Infascelli..!

Ok, intanto però acquistatelo voi il dvd e poi, in base alle vostre recensioni, semmai lo prenderò anch'io...

Eh.

BenSG

iu06 ha detto...

Non mi piace.Il film lo vedrei forse una vola e quindi al cinema con un regolare biglietto spenderei fino ad u massimo di 5 euro. Comprre un dvd (12e) di un film mai visto non mi sembra un ottima cosa.
iu06

Anonimo ha detto...

interessante l'idea di produrre un film low cost e con una distribuzione direttamente in DVD, ma devo dire che la realizzazione è veramente mal riuscita. Si poteva, magari, iniziare con qualcosa di più decente!!!
Credo che sia un film inutile sotto qualsiasi punto di vista.
Peccato...

Anonimo ha detto...

Lol! A' iu06 ma dimmi un po' dove vai tu al cinema che spendi al massimo 5 euro??? Comunque, a parte questo, un DVD lo conservi, una proiezione cinematografica no. Al di là della qualità di questo film, che è un'opinione personale, l'iniziativa mi sembra più ragionevole. Io l'ho trovato un po' pesante, ma mi è piaciuto

Anonimo ha detto...

finalmente un film italiano con le palle...un esperimento riuscito contro il mercato del natale sul c-zzo...regia coraggioso, sceneggiatura da vedere sicuramente in lingua originale (giå il titolo fa capire che il film sarebbe ancora piu piacevole in inglese). comunque alla fine basta con i film italiani girati da telenovela sud americana.

Anonimo ha detto...

Giudicare questo film "inutile" mi sembra indice di una superficialità quasi disarmante. E' un film lisergico, fuori dagli schemi. Non vuole raccontare una storia o tenerti incollato alla sedia per sapere "come va a finire".. quello che vuole fare è generare emozioni, colpire allo stomaco ma soprattutto alla mente.. e per me ci riesce ma lo spettatore deve essere conscio del gioco al quale sta partecipando, deve seguire le indicazioni che il regista dà nel corso del film e lasciare che la "visione" sia affidata alla propria parte irrazionale. La regia è coraggiosa, la fotografia ottima così come la colonna sonora (semplice ma azzeccata). Ci sono trovate interessanti e intelligenti, forse non sempre originalissime ma degne di attenzione.. certo se uno è abituato a cercare il senso in tutte le cose, a mettere tutte le caselle al posto giusto a tutti i costi rimarrà deluso.. A mio parere è il miglior film di Infascelli, al quale si deve se non altro riconoscere il merito di cercare una propria strada al di fuori della classica commedia generazionale et similia..

Anonimo ha detto...

lento....
a volte in maniera insopportabile...
storia debole, sceneggiatura per metà improbabile.
Ottima la fotografia, come la musica.
Alcune trovate (la scansione dei giorni, tramite le albe "sonore", decisamente sopra la media.
Mi gira un pò aver dovuto spendere 12 euro per il DVD, poichè quello scaricabile era solo per Windows (ed il mio Home Theater non lo è....)
Riassumendo l'ho trovato pretenzioso, senza averne i meriti

Abulafia ha detto...

ecco il mio articolato parere...
http://dogvilletown.blogspot.com