02 dicembre 2016

3%, lo sci-fi brasiliano di Netflix che fa a meno dell'Italiano

La serie Netflix brasialiana "3%" arriva in Italia in lingua originale (portoghese) o doppiata in inglese, spagnolo e francese. 
Gli Italiani quindi possono al massimo ricorrere ai sottotitoli e la cosa bella è che lo fanno. 
La serie infatti non è stata affatto snobbata dal pubblico nostrano, anzi la costrizione alla visione in una lingua straniera viene presa quasi come una sfida.
Personalmente ho scelto di vedere la serie in lingua inglese (con sottotitoli in Italiano) nonostante il doppiaggio non sia dei migliori (pare che 'sto mestiere siamo rimasti gli unici a saperlo fare bene) ma sinceramente mi riesce davvero difficile l'ascolto prolungato di una lingua di cui non conosco davvero una parola.
La serie è un low budget (quasi tutta in interni) ma regia e recitazione sono al top. 
Diretto dall'uruguayano César Charlone, già candidato all'Oscar come direttore della fotografia per City Of Gods, 3% racconta di un futuro distopico in cui le risorse primarie scarseggiano e solo una elite (il 3% del titolo) periodicamente viene selezionata attraverso una serie di prove durissime per accedere al benessere di una città perfetta.
Un po' come in "Hunger Games" e "The Island",  nella serie seguiamo un gruppo di giovani candidati alle prese sia con la dura selezione che con la scoperta della verità.
La serie Netflix, pubblicata in contemporanea mondiale il 26 novembre, è lo sviluppo di un pilot di web serie intitolata "3 por cento" creata e pubblicata su YouTube da Pedro Aguilera del 2011.

(Continua a leggere)

01 dicembre 2016

Designated Survivor, su Netflix la serie ABC con Kiefer Sutherland presidente per caso

Su Netflix sono state pubblicate le prime quattro puntate della serie "Designated Survivor" mentre le restanti 15 saranno rilasciate settimanalmente in semi contemporanea con l'americana ABC.
Si tratta di un thriller fanta-politico in cui un apparentemente anonimo e poco ambizioso membro del Congresso degli USA si ritrova investito della carica di Presidente in seguito ad un terribile attacco terroristico che annienta Presidente e Campidoglio in un colpo solo.

Il presidente per caso è il rassicurante  Kiefer Sutherland, dapprima impacciato e disorientato ma poi sempre più determinato e freddo stratega di una guerra di reazione in cui non si sa bene il nemico chi sia.
La serie, interpretata anche da Maggie Q (MI III, Divergent), Italia Ricci e Natascha McElhone (The Truman Show, Solaris), è un buon thriller, con un intrigo ben costruito anche se non originalissimo. 
Diciamo che si fa guardare senza problemi nè particolari salti dalla sedia (l'azione è ridotta al minimo a beneficio dei dialoghi) ma si spera che qualcosa di sorprendente possa avvenire nei prossimi 14 episodi.
Vista l'ambientazione nella Casa Bianca è impossibile non pensare ad "House of Cards", di cui questa serie sembra una versione buonista e pudica.
(Continua a leggere)

30 novembre 2016

Banane a curriculum, il nuovo video di Scarti sul "lavoro flessibile"


Il collettivo Scarti (Angelo Mozzillo, Mario Savina, Simone Bobini ed Edoardo Monniello) torna dopo la web serie Puzzle con un video che ironizza sul precariato e il lavoro flessibile.


"Banane a curriculum" (questo il titolo) è uno sketches solo apparentemente surreale in cui sovrappongono al rapporto lavoratore-datore di lavoro quello cliente-fornitore mettendo in evidenza in maniera grottesca tutte le contraddizioni del primo.
Molto divertente ed efficace, secondo noi.


Scarti su Facebook: http://goo.gl/3tZG07
Scarti su Twitter: http://goo.gl/V1z0LX



(Continua a leggere)

28 novembre 2016

Anime e Sangue, la serie.

Anime e Sangue è una serie Urban Fantasy composta da 5 episodi della durata di 26 minuti ciascuno. Il progetto si ispira ad un noto gioco di ruolo omonimo dello scrittore italiano Matteo Cortini e si rivolge ad un ampio pubblico, dagli amanti del genere fantastico fino ai sempre più numerosi appassionati di serie tv, il tutto grazie ad una trama intrigante e alla reinterpretazioni di personaggi noti provenienti dal mondo letterario o dalla mitologia.
Due “puntate pilota” (che non fanno parte della serie) sono già state realizzate nel 2015 e hanno riscosso un notevole successo sia di pubblico che di critica, in particolare allo scorso Rome Web Awards, dove la serie si è aggiudicata ben due premi per la Miglior Attrice Protagonista e Miglior Make-Up.
Grazie ad un crowdfunding, ripartendo da zero dal punto di vista della sceneggiatura e con attrezzature migliori ed un team più ampio ed ancora più motivato, è stata realizzata la prima stagione della serie la cui prima puntata è stata presentata in anteprima assoluta durante la 50a Edizione del Lucca Comics & Games 2016, registrando un’affluenza enorme e costringendo gli organizzatori ad allestire una proiezione aggiuntiva per accontentare le centinaia di fan presenti. 

Un po' sulla falsariga della fortunata serie tv americana "Once upon a time" (C'era una volta), Anime e Sangue segue le vicende di cinque personaggi appartenenti ad un mondo fantastico che, in seguito alla loro dipartita, si ritrovano catapultati nel nostro Mondo e costretti a seguire gli ordini di Sariel, un misterioso individuo pronto a tutto pur di portare a termine i propri oscuri piani, con la promessa di poter ritornare a casa. 
Dei protagonisti della serie, tra i quali Peter Pan, Cyrano De Bergerac e lo Spaventapasseri del Mago di Oz, è rimasto solo lo Spirito, imprigionato in un’arma magica.

La serie è prodotta dalla casa di produzione Two Little Mice,, diretta da Riccardo Sirignano e scritta dallo stesso regista con Matteo Grilli ed è attualmente in cerco di distribuzione.
(Continua a leggere)

24 novembre 2016

Netflix pubblica "Gone girl", stavolta senza traduzione spoiler.

Netflix ha pubblicato in questi giorni il film di David Fincher con Ben Afflek, Rosamund Pike e Emily Ratajkowski "Gone girl" lasciando il titolo originale privo della prseudo-traduzione "L'amore bugiardo", col quale era uscito a cinema, probabilmente perché ci si è accorti, un po’ tardi, che la "traduzione" italiana era uno spoiler di quelli che fanno davvero male.

Il problema delle traduzioni incaute dei titoli dei film, quindi, oltre a coprire le opere di ridicolo come nei casi storici di "Se mi lasci ti cancello", "Se scappi ti sposo" e "Prima ti sposo poi ti rovino", rischia anche di condannare un film all'insuccesso. Non è stato il caso di Gone Girl, per fortuna, ma pensiamo a immaginare come avremmo apprezzato film dalle trame sorprendenti se avessero avuto dei titoli del genere:


"The sixt sense – l’analista fantasma"
"Unusual sospect – il gobbo diabolico"
"American beauty – l’omofobo assassino"
"The Others – la casa dei fantasmi"
"Saw – il cadavere maniaco"
"Psycho – l’hotel della mamma mummia"
"Fight club – lotta schizzofrenica"

Ve ne vengono in mente altri?
(Continua a leggere)

Passengers, con Jennifer Lawrence (trailer) dal 30 dicembre nei cinema

Sono davvero molti i film sci-fi annunciati per la prossima stagione. Ci sono  "Life", "Arrival", "Valerian", "Gost in the shell" e poi questo "Passengers" di Morten Tyldum (The Imitation Game) con Jennifer Lawrence e Chris Pratt
Siamo in quella fantascienza che predilige le dinamiche umane nello spazio e la cui storia ruota fondamentalmente intorno all'alienazione e la solitudine, un po' come "Solaris", "Moon", "The Martian" o"Gravity". 
La storia di "Passengers" parte dall'astronave Starship Avalon, impegnata in un viaggio interstellare di 120 anni diretta alla colonia Homestead II con a bordo 5.259 persone in criogenico, che a causa di un malfunzionamento risveglia due passeggeri 90 anni prima dell'arrivo, lasciandoli bloccati sulla nave spaziale. 
Scritto da Jon Spaihts (Prometheus, Doctor Strange), il film ha avuto una lunga gestazione, a partire dal 2007 e nel 2010 si fece addirittura il nome del nostro Gabriele Muccino per la direzione poi proposta a Brian Kirk (Luther, Il trono di spade) nel 2013 e solo nel 2015 affidata stabilmente a Tyldum. 
Il film uscirà nelle sale italiane il 30 dicembre.
(Continua a leggere)

23 novembre 2016

Gli X-Boys di Miss Peregrine arrivano a Natale.

Tim Burton, dopo il sorprendente "Big Eyes", torna al fantastico con il film "La casa dei bambini speciali di Miss Peregrine". 
La storia è quella dell'adolescente Jacob Portman che su un'isola misteriosa fa la conoscenza di un gruppo di bambini orfani dal talento speciale ospiti della residenza della misteriosa Miss Peregrine. 
Il ragazzo farà di tutto per proteggerli e tenerli al sicuro da orribili creature decise a distruggerli.

Il film è tratto dal primo libro della serie "Miss Peregrine" del 2011 dello scrittore inglese Ransom Riggs e ruota intorno alla residenza/scuola per bambini con poteri eccezionali che sembra una "Scuola Xavier per giovani speciali" del 1940.


Un bel cast in questo film, a partire dalla protagonista Eva Green (alla sua seconda fatica con Burton dopo "Dark Shadows", Ella Purnell, Samuel L. Jackson, Terence Stamp e Rupert Everett
Negli USA "Miss Peregrine" è uscito già a settembre, mentre da noi sarà il film di Natale, anzi di Santo Stefano visto che uscirà proprio il 25 dicembre.

(Continua a leggere)

22 novembre 2016

Snowden, di Oliver Stone. Nelle sale il 24 novembre (trailer)

La storia raccontata da Snowden, il nuovo film di Oliver Stone nelle sale dal 24 novembre, sembra uscita dalla serie Black Mirror di Netflix, mentre invece si tratta di realtà, magari giusto un po' romanzata per esigenze narrative. 
Edward Snowden, infatti, è un ex tecnico informatico della CIA, molto dotato, che nel 2013 decise di rivelare al mondo quali abusi della privacy della gente comune venivano perpetuati con la motivazione della sicurezza, attraverso una serie di pubblicazioni sul giornale britannico The Guardian, che gli costarono una denuncia da parte dei procuratori federali degli Stati Uniti per furto di proprietà del governo, comunicazione non autorizzata di informazioni della difesa nazionale e comunicazione volontaria di informazioni segrete con una persona non autorizzata (Wikipedia).

Dalla vicenda di Snowden sono nati due libri dai quali poi Oliver Stone e Kieran Fitzgerald hanno tratto la sceneggiatura del film.
Nel film vedremo Joseph Gordon-Levitt nei panni del tecnico informatico (e hacker) ma anche Nicholas Cage e Shailene Woodley.
(Continua a leggere)

21 novembre 2016

Natale a Londra, l'accozzaglia irriverente del cinema comico italiano.

Sono anni che aspetto di vedere al cinema un film di Lillo e Greg e non un film con Lillo e Greg.
Il cinema, infatti, è l'unico media in cui i due geniali autori comici romani non siano riusciti ad esprimere la loro vulcanica inventiva. 
Il produttore "nel pallone" Aurelio de Laurentiis li ha scritturati alcuni anni or sono per i cinepanettoni in siostituzione della coppia Boldi-De Sica e bisogna ammettere che un miglioramento qualitativo c'è stato, seppure non all'altezza del potenziale della coppia. Se da un lato si è visto, davvero poco del surrealismo stile Monty Python che Lillo e Greg scatenano in radio, televisione e teatro, dall'altro almeno si è passati dalla scorreggia alla battuta che è già un grosso passo in avanti.
Soprattutto l'ultimo cinepanettone 2015 "Natale al Boss", con tutti i suoi compromessi di film per famiglie, ci ha presentato una storia divertente in linea con la comicità del duo (un'intera trama che prende spunto da un errore di interpretazione calligrafica).

Per le festività 2016 la FilmAuro ha invece realizzato "Natale a Londra" del quale per ora ci sono solo dei teaser di presentazione del cast, ma appare subito un evidente passo indietro.
Da una parte troviamo Nino Frassica e Lillo e Greg, ultimi rappresentanti di una comicità autoriale che viene dal cabaret dove la risata ha tante componenti (fisica, verbale, intellettuale, citazionista), mentre dall'altra ci becchiamo gli Arteteca, mattatori di quel decadente circo televisivo chiamato Made In Sud, archetipi di una comicità incolta fatta di tormentoni post Drive-In ed in cui la risata è suscitata dall'uso del dialetto soltanto perché in dialetto.

Intendiamoci, difficilmente questa accozzaglia irriverente riuscirà a far peggio delle scorregge di Boldi e Biagio Izzo in "Natale al Sud" e nemmeno potrà danneggiare Lillo & Greg o Frassica che intascato l'assegno torneranno a fare le loro splendide cose. 
Ma il cinema comico, quello non lo salva più nessuno.

(Continua a leggere)

18 novembre 2016

Un Natale al Sud - Il film di Natale con Massimo Boldi, Biagio Izzo e Anna Tatangelo.


E' stato pubblicato proprio in questi giorni il trailer del nuovo film di Natale "Un Natale al sud" con Boldi, Izzo, Anna Tatangelo e Enzo Salvi (er cipolla) per la regia di Federico Marsicano.


Il trailer non ve lo mostriamo perché è una delle cose più brutte che ci sia mai capitato di vedere, non solo riferito al cinema.
Piuttosto, anche per risollevare noi che l'abbiamo purtroppo visto, vi mettiamo qui un video di due ore con un camino che brucia. 
Sicuramente migliore del film e molto rilassante.
(Continua a leggere)