21 luglio 2016

Il mattone estivo dei Fratelli Katano

"Lo sai che il fumo ha un'ombra, Fernando?": questa la frase che Tanino, protagonista di "La scoperta dell'ombra" dei Fratelli Katano, ripete ossessivamente al suo invisibile interlocutore che gli risponde proiettando immagini su un grosso schermo.
"Un'emerita stronzata" l'ha definito Variety, mentre più conciliante è stato Valerio Capriati su Repubblica che ha riconosciuto che "stavolta, almeno, alla fine si vedono un po' di tette".
Ma la chiave di lettura di quello che si preannuncia essere il più controverso dei film dei Fratelli Katano è sicuramente da cercare delle note di produzione che accompagnano il video:
"Ecco un altro capolavoro dei Fratelli Katano sicuramente troppo di alto livello culturale per essere capito dalla gente come voi che al massimo capisce la partita e i pokemòn. Vedetevelo lo stesso che non si sa mai. Se non altro potete dire di avere visto un cortometraggio culturale impegnato. 
E comunque alla fine ci abbiamo messo pure una bella femmina per ribadire che noi, pure se facciamo la cultura e conosciamo il francese, non siamo ricchioni."

E allora guardatelo questo capolavoro che mescola Antonio Rezza, gli Squallor, Pippo Delbono e Denise Milani. E poi dimenticatelo!

(Continua a leggere)

20 luglio 2016

Blatta: trailer 4.0

Il giorno 13 luglio è stato pubblicato online il Teaser 4.0 di Blatta: il secondo e ultimo episodio di un breve racconto in due parti, in cui il regista Andrea Sanna mette in scena gli incubi cyberpunk di Alberto Ponticelli
Il teaser omaggia le atmosfere vintage e retro-futuristiche di classici della fantascienza come Ultimatum alla Terra, Attack of the 50 ft woman, L'Ultimo Uomo sulla Terra e lo spirito visionario di autori quali Terry Gilliam e Shinya Tsukamoto
La viral campaign è stata curata da Headwood Studio, in associazione con Reactivity Pictures e Equal Design. Con questo teaser, giunge a conclusione la campagna di marketing virale, in attesa del primo materiale ufficiale dall'adattamento del celebrato romanzo grafico di Alberto Ponticelli, che sarà diretto da Daniele Ciprì.
(Continua a leggere)

19 luglio 2016

Bridget Jones's Baby, il trailer del terzo capitolo della saga (22 settembre)

Il 22 settembre esce nelle sale italiane il terzo capitolo della saga di Bridget Jones. Ancora Renée Zellweger nei panni della single più famosa del cinema britannico e Colin Firth in quella del suo tormentato ex marito. 
A fare da terzo incomodo, oltre che da co-padre del primogenito di Bridget, sarà il fascinoso divo americano Patrick Dempsey, il dottor Shepherd di Grey's Anatomy. Nel cast anche Emma Thompson nei panni della ginecologa di Bridget.
Bridget Jones's Baby è diretto da Sharon Maguire, regista del primo film della saga.
(Continua a leggere)

18 luglio 2016

Stranger Things: giocattolone per vecchi nerd (recensione)

Netflix deve aver scoperto il valore commerciale del target "VECCHI NERD" e ha creato un prodotto che più mirato non si può.
In Stranger Things, infatti,  non ci sono solo citazioni alla cinematografica sci-fantasy-horror degli anni '80. La serie dei fratelli Duffler è proprio scritta e prodotta utilizzando tecniche di scrittura e ripresa degli anni '80. Il 4K di Netflix sembra addirittura in certi casi fuori posto, per dire.

Visualmente, per chi ha più di 40 anni, è tutto un deja vu. Ogni inquadratura è riferita a Wes Craven, Spielberg, finanche il De Palma di Carrie e Carpenter (che sembra essere stato assoldato anche per la colonna sonora), tutto molto vintage e con il solito vizio di abbondare la scenografia di elementi solo degli anni '80 come se non fossero esistiti i '70 e i '60. 
E' inevitabile pensare all'operazione di tributo agli '80 di Abrams con "Super 8", e devono averci pensato anche i Duffler visto che in una scena (solo una) ci hanno messo addirittura il difettuccio del lens flare.


Nella scrittura il tutto, storia e sceneggiatura, è un magico e abile miscuglio di storie sci-fi ormai di culto: Gremlins, Nighmare, E.T., Carrie, Alien, La cosa, La casa e Ritorno al futuro, fino riferimenti non cinematografici come Dungeons and Dragons (riferimento principale di tutta la storia), X-men e Tolkien.

Si salta spesso dalla sedia, inevitabilmente, e spesso viene la voglia di alzarsi e incitare i buoni a non essere più buoni nei confronti dei "bastardi della NASA". 

Ottimo il doppiaggio italiano, anch'esso rispettoso dei "nostri" anni '80 con la traduzione censurata del linguaggio degli adolescenti.

Una serie che si va ad aggiungere alla rosa dei grandi colpi di Netflix assieme a "Daredevil" e "Jessica Jones"(personalmente superiore ad entrabmi).

Senza spoilerare, dico solo che il cliffhanger con una nuova stagione c'è, e non necessariamente ambientata ancora negli anni '80...


(Continua a leggere)

13 luglio 2016

Blatta di Alberto Ponticelli diventerà una serie (pilot di Daniele Ciprì)

Blatta, la celebra graphic-novel italiana di Alberto Ponticelli, diventerà una serie tv il cui pilot sarà diretto da Daniele Ciprì.
Pubblicato per la prima volta nel 2008 dalla Leopoldo Bloom e successivamente (2014) dalla RW Lineachiara, Blatta è un capolavoro di grafica e scrittura molto noto nella community del fumetto d'autore ma non abbastanza popolare.
Cupo, visionario e di taglio decisamente cyberpunk, Blatta racconta la storia di un uomo che vive in completo isolamento dal mondo esterno e dal suo stesso corpo, in un futuro in cui le nascite sono proibite e la clonazione è lo strumento per perpetuare tecnologicamente la sopravvivenza e l'immortalità.
La Gray Ladder, società indipendente di produzione video, ha rilasciato già tre teaser (su Facebook) della serie, in ognuno dei quali viene introdotto un elemento del personaggio e dati aggiornamenti sulla produzione della serie della quale, ad oggi, non è stata ancora fissata una data di termine lavorazione.



(Continua a leggere)

12 luglio 2016

Cose estranee nell'estate di Netflix.


Si intitola "Stranger Things" la serie che Netflix pubblicherà in contemporanea mondiale sul suo network il prossimo 15 luglio. Una dichiarata dichiarazione d'amore per i classici degli anni '80 sul soprannaturale, molto vicina a quella già fatta da J.J. Abrams qualche anno fa con "Super 8". 
Quando un ragazzino scompare nel nulla, i suoi amici, la famiglia e la polizia locale si mettono alla ricerca di indizi, ma vengono presto coinvolti in una trama misteriosa, con esperimenti top secret, terrificanti poteri soprannaturali e una ragazzina molto particolare. 
Molto facile pensare ad E.T. guardando il trailer e l'omaggio ai favolosi (?) '80 sono confermati dalla presenza nel cast di Winona Ryder e Matthew Modine, oltre che David Harbour, Finn Wolfhard, Millie Brown e Cara Buono.
Autori, registi, showrunner e produttori della serie sono i giovanissimi Matt e Ross Duffer alla loro prima esperienza seriale dopo il sorprendente "Hidden" del 2015 
(Continua a leggere)

11 luglio 2016

Il nuovo trailer di Suicide Squad con Batman e Joker. Nelle sale italiane il 18 agosto.

Molta azione nel secondo lungo trailer di Suicide Squad, gli Avengers maledetti di casa DC. 
In questo nuovo trailer, accompagnato dalla musica dei Queen, in bella evidenza ancora Harley Quinn (Margot Robbie), DeadShot (Will Smith) e Joker (Jared Leto), ma fa la sua comparsa anche il "buon" Batman (Ben Affleck?).
Il film, diretto da David Ayer, uscirà negli usa il 5 agosto e da noi un po' dopo, il 18 in tutti i formati disponibili per le sale, dal 2D all'IMAX 3D, 4DX e 70mm.
(Continua a leggere)

08 luglio 2016

Napoli Film Festival XVIII (26/9 - 2/10): aperti i bandi di tutte i concorsi.

La diciottesima edizione del Napoli Film Festival si terrà dal 26 settembre al 2 ottobre. 
La prima novità, segnalata dal direttore Mario Violini e dalla squadra dell'Associazione Napolicinema, è la ripresa del Concorso Nuovo Cinema Italia (4. edizione), interrotto per qualche anno, la cui selezione sarà curata dalla redazione della rivista on-line Cinemaitaliano.info, riferimento fondamentale per il cinema italiano. 
 utti i concorsi vedono in palio il Vesuvio Award, scultura di bronzo realizzata da Lello Esposito, e una serie di premi volti a garantire una distribuzione ai film anche dopo il festival. 
Il Premio Avanti!, ad esempio, trasversale tra i vari concorsi, offre la possibilità alla miglior opera, scelta da un’apposita giuria, di essere distribuito dalla LAB 80 film nei principali cinema italiani. 
Sia per il concorso Nuovo Cinema Italia che per Europa & Mediterraneo è in palio il premio Augustus Color che consiste nella stampa di 5 copie in formato DCP per ciascun vincitore, per favorirne l'acquisizione da parte della distribuzione italiana. La selezione Europa & Mediterraneo, cuore internazionale della manifestazione, continua la divulgazione di opere giovani provenienti da cinematografie minori e dai paesi del Mare Nostrum. 
La giuria sarà composta dagli studenti di cinema delle scuole di formazione campane. Anche la XVIII edizione di SchermoNapoli, poi, nelle sue sezioni DOC, Corti e Scuola garantirà ai selezionati una diffusione dopo il festival attraverso una serie di rassegne itineranti organizzate dall'Associazione NapoliCinema (SchermoNapoli Rewind, Cinema al Castello, 41. Parallelo presso la Casa Italiana Zerillo-Marimo New York University Department of Italian Studies), il già citato Premio Avanti!, la segnalazione dei corti a premi nazionali e la distribuzione del migliore documentario nel circuito home video con il Premio Cinemaitaliano.info. 
Infine Diregiovani in collaborazione con l'Agenzia di stampa Dire assegnerà il Premio Giovani Visioni all'opera che si è distinta per un'idea originale che coniuga informazione, linguaggio narrativo ed efficacia del messaggio trasmesso. 
I bandi possono essere visionati consultando il sito www.napolifilmfestival.com e la pagina Facebook Napoli Film Festival.
(Continua a leggere)

07 luglio 2016

"Smetto quando voglio Reloaded", a febbraio nei cinema

Due sequel girati in contemporanea, come nella tradizione delle trilogie americane, il primo dei quali uscirà il prossimo febbraio.
Come per Matrix, i nuovi capitoli di Smetto quando voglio si intitoleranno Reloaded e Revolution, e pare siano confermati in blocco sia gli attori principali (Leo, Calabresi,Fresi, Aprea, De Rienzo, Sermonti, Lavia) che gli autori. 
La regia sarà sempre del bravissimo Sidney Sibilia, regista di origini salernitane che nel 2014 ebbe un successo deflagrante con il suo film d'esordio grazie ad un passaparola che in Italia non era riuscito mai ad essere così efficace, replicato solo di recente per "Lo chiamavano Jeeg Robot"
Come per il film di Mainetti, SQV ottenne successo al botteghino e grandi critiche ma non la pioggia di David come per "Jeeg Robot".
(Continua a leggere)