05 agosto 2016

La famiglia Fang, il trailer

Sembra davvero molto interessante questo film di Jason Bateman in uscita il 1 settembre. Nel cast lo stesso Bateman più Nicole Kidman, Christopher Walken e Maryann Plunket
Caleb e Camilla Fang sono performer le cui creazioni scioccano il pubblico e deliziano gli appassionati d’arte. Protagonisti sin dalla più tenera età sono i loro figli, pedine fondamentali delle loro opere provocatorie spesso al limite tra il genio e la follia. 

A causa di queste esperienze, Annie (Nicole Kidman) e Baxter (Jason Bateman) ormai adulti si sono allontanati dai genitori, e, seppur a distanza, conducono esistenze parallele e altamente problematiche. 
I fratelli sono costretti a tornare a casa dai loro eccentrici genitori quando, improvvisamente, scompaiono nel nulla. La polizia teme il peggio ma Annie è convinta che si tratti di una nuova performance e che Caleb e Camilla abbiano finto la propria morte per dare vita all’ennesima, bizzarra, “opera d’arte”. 
Mettendo insieme i pezzi del puzzle dei ricordi della loro infanzia, Annie e Baxter si mettono alla ricerca dei genitori, sperando di scoprire la verità su quanto accaduto e, magari, finire anche per ritrovare se stessi.


La Famiglia Fang è una commedia dai sottofondi drammatici, tratto dal romanzo omonimo di Kevin Wilson, che ritrae una famiglia sui generis e che racconta con sguardo sagace l’infanzia, i legami genitori-figli e un rapporto delicato e profondo tra un fratello e una sorella. 


(Continua a leggere)

04 agosto 2016

Pokemon GO mania. L'instant eBook di Gabriele Niola sul gioco social della Nintendo.

Pokémon GO è ovunque: il primo videogioco per smartphone di Nintendo – sviluppato insieme a Niantic, nata da una costola di Google – in poche settimane ha avuto uno straordinario successo, si è trasformato in fenomeno di massa, in una moda che ha catalizzato l’attenzione di gran parte del mondo occidentale e che conta milioni di appassionati giocatori sostenitori e altrettanto agguerriti denigratori che lo dipingono come segno del declino della nostra società. Nel saggio che apre la prima guida italiana a questa nuova mania, Gabriele Niola offre una originale lettura di Pokémon Go come profeta di una nuova era che, in forma giocosa, ci mostra i cambiamenti che stiamo per vivere a tutti i livelli nel mondo dei videogiochi e, soprattutto, in quello che abitiamo, tra realtà virtuale, aumentata, dimensione sociale e riappropriazione dei luoghi reali che ci circondano. 
L’ebook è corredato da un’appendice con trucchi, segreti e consigli per diventare veri campioni di Pokémon GO.

(Continua a leggere)

The Blair Witch, tra sequel e remake ritorna la strega di Burkittsville

Uscirà da noi il 21 settembre "The Blair Witch" sequel, ma più che altro reboot del celebre film di Daniel Myrick ed Eduardo Sanchez che nel 1999 cambiò per sempre il concetto di cinema horror internazionale. 
"The blair witch project" fu, se non proprio il primo, senz'altro il miglior mokumentary della storia del cinema horror anche perché accompagnato da un'abile marketing virale su una internet pre-social, fatta di blog, forum, siti web e newsgroup. I primi spettatori del film (a bassissimo budget) pensarono davvero si trattasse di un montaggio di video girati da ragazzi misteriosamente scomparsi nel bosco del Maryland. 
Questo nuovo film di Adam Wingard ovviamente non può contare sull'effetto fake anche perchè oggi che il cinema è quasi interamente digitale per cui le riprese del footage sono così ad alta definizione da non sembrare semi amatorial. La tensione del primo film contava molto, infatti, anche sull'imperfezione delle riprese digitali su nastro. A giudicare dal trailer si sembra di trovarci di fronte ad un horror patinato da programmazione estiva, con tutti i protagonisti belli, musica da film Marvel e scene ad effetto BUUUU!.

(Continua a leggere)

Inferno, di Ron Howard con Tom Hanks. Il trailer

Tom Hanks/ Prof. Langdon che corre insieme ad una ragazza tra chiese e musei, così come ne "Il codice Da Vinci" e ancora in "Angeli e Demoni". Nulla è cambiato almeno a giudicare dal trailer di "Inferno", il film di Ron Howard tratto dal non-bestseller di Dan Brown ambientato a Firenze e in cui in luogo delle opere di Leonardo è dietro il poema del sommo poeta che si nasconde la soluzione del terribile enigma.
Il trailer dice già praticamente tutto, sia sulla trama che sul ritmo del film. Qualche spruzzatina di citazioni qua e là (il sangue che inonda lo schermo come in Shining) ma ci sembra proprio di essere di fronte a un film clonato, proprio come il romanzo.
Il film è sceneggiato dal solito David Koepp ed uscirà in Italia il 13 ottobre, anche in IMAX.

(Continua a leggere)

03 agosto 2016

PIANETA TERRA, il libro di Astutillo Smeriglia

Astutillo Smeriglia è un autore satirico. Scrive sul suo blog "In coma è meglio" da anni e ha prodotto una web serie animata intitolata "Preti" che, a mio personale giudizio, è la migliore (e più divertente) produzione web italiana in assoluto.
Prima di prendere questo strano pseudonimo, Smeriglia chiamavasi Antonio Zucconi e con la famigerata Coma Film tra il 2000 e il 2010 ha realizzato dei cortometraggi demenziali e geniali che anche su KinemaZOne non mancammo di segnalare, come Gianfrancomachia e L'invadenza di Azuzl.
Questo libro, dal titolo semplice ma allo stesso tempo ambizioso "Pianeta Terra" è una guida per alieni per visitare il nostro pianeta senza farsi prendere dal panico, un po' come la celebre guida galattica di Adams, il cui tono Smeriglia richiama già nella sinossi del suo libro:

Se mai vi capitasse di passare in zona Braccio di Orione, nella prima periferia della Galassia, potrebbe essere interessante fare una capatina nel Sistema Solare. Qui si trova la Terra, un luogo singolare e straordinario perché abitato da una delle forme di vita più incredibili di tutto l'universo, l'Enterobius Vermicularis, una meravigliosa creatura che vive all'interno di un'altra creatura molto meno meravigliosa: l'Australopitecus Ignarus, o Homo Sapiens, come ama definirsi. Scopo di questa guida non è descrivere le meraviglie della Terra, pianeta che sa farsi apprezzare benissimo da sé, ma aiutare il visitatore a proteggersi dagli uomini, esseri insidiosi e potenzialmente dannosi a causa di un loro terribile difetto: parlano. Nessuno in tutto l'universo riesce a metterti così di cattivo umore semplicemente aprendo la bocca. Grazie a questa guida sarà possibile destreggiarsi con disinvoltura fra attaccabottoni, fanatici e narcisisti, non farsi coinvolgere dalle loro discussioni e soprattutto resistere alla tentazione più pericolosa di tutte: affezionarsi. Se ti affezioni a un uomo, maschio o femmina che sia, gli dai il potere di distruggerti, e non c'è niente di peggio che essere di cattivo umore quando si è in viaggio.

Ho scelto il libro di Smeriglia come primo delle letture estive fidandomi ciecamente del suo genio.

Su Amazon a € 11,90
(Continua a leggere)

Metti una notte, terminate le riprese del film di Cosimo Messeri

Sono terminate ieri le riprese del primo lungometraggio diretto e interpretato da Cosimo Messeri, attore e regista livornese figlio dell'attore Marco Messeri.
Metti una notte è una commedia metropolitana ambientata a Roma interpretata da Messeri, Cristina Capotondi e la partecipazione di Amanda Lear.

Martino un giovane entomologo in crisi sentimentale, torna a Roma a trovare l’adorato zio. Appena arrivato lo zio gli chiede il favore di fare da babysitter alla figlia di alcuni amici. Una volta arrivato a casa di Linda, la bambina, Martino scopre che assieme a questa c’è anche Lulù, la sua eccentrica e imprevedibile nonna. 
Tutto si complica quando Martino riceve la telefonata di Tea, un antico amore incontrato il pomeriggio stesso per caso. La ragazza è in pericolo e gli chiede aiuto. Martino entusiasta all’idea di poterla salvare è costretto a portarsi dietro nonna e bambina in una serie di avventure e disavventure, incontri e imprevisti, in una Roma notturna alla ricerca di un nuovo amore. 

Nel cast figurano anche Marco Messeri, Massimiliano Gallo ed Elena Radonicich.
(Continua a leggere)

29 luglio 2016

L'uomo che uccise Don Chisciotte: riprende la produzione del film maledetto di Terry Gilliam. A ottobre il primo ciak.

Il film di Terry Gilliam su Don Chisciotte ("Man who killed Don Quixotte") sembrava dover avere lo stesso destino del progetto analogo di Orson Welles ed entrare nella storia del cinema come film mai realizzato.
Una serie di incredibili sventure, raccontate nel bellissimo documentario "Lost in La Mancha" del 2002, avevano accompagnato i precedenti tentativi di Gilliam di terminare le riprese del film sin dal 2000 per ben dieci anni.
Adesso, a Cannes, Gilliam e il produttore Paulo Branco sembrano abbastanza convinti che ad ottobre, finalmente, ci sarà l'inizio di nuove riprese in Spagna.
Nel cast non ci saranno nè Johnny Depp Jean Rochefort, ingaggiati per la prima produzione, ma la storia sarà la stessa, ossia quella di un regista di pubblicità che viene attirato nella spirale di un folle che si crede Don Chisciotte e lo scambia per Sancho Panza.
Gli interpreti annunciati sono Adam Driver (Kylo Ren in Star Wars VII), il mitico Michael Palin dei Monty Python e Olga Kurylenko (La Corrispondenza).
(Continua a leggere)

28 luglio 2016

BOB, il trailer del nuovo film di Lorenzo Bechi



Un film di Lorenzo Bechi
Con: Michele Mariniello
Soggetto: Lorenzo Bechi
Sceneggiatura: Lorenzo Bechi, Michele Mariniello
Regia, fotografia, scenografia, suono e montaggio: Lorenzo Bechi
Musica: Nuddu (Spitilli, Baldini, Tecla)
Una produzione: FILMSOLO
filmsolo.org
(Continua a leggere)

Gli effetti speciali di Makinarium nello sci-fi comedy dei Jackal

Secondo indiscrezioni carpite a Cattleya spacciandoci per investitori americani, questa dovrebbe essere l'ultima settimana di riprese a Napoli per il film dei Jackal "Addio fottuti musi verdi", per poi spostarsi a Roma per un'altra settimana). 
La produzione si dichiara molto soddisfatta del lavoro fatto finora dai ragazzi di Lost in Google ma mantiene un gran riserbo rispetto ai contenuti del film. 
Sappiamo solo che si tratta di una commedia fantascientifica (come il titolo suggerisce per altro) con tanto di astronave, girato tra Napoli e Roma e con un grande utilizzo di effetti speciali, affidati per l'occasione a Makinarium, la società italiana di visual effects premiata con un David di Donatello per la collaborazione con Matteo Garrone per "Il racconto dei racconti".
Confermati i cameo di Salvatore Esposito e Fortunato Cerlino, dei Jackalattori Simone Russo, Ciro Priello e Fabio Balsamo, la regia di Francesco (Ebbasta) Capaldo e di una misteriosa "bellona".
Il film ora andrà in post produzione e l'uscita è prevista per il primo trimestre 2017.
(Continua a leggere)

26 luglio 2016

Rocky Horror Picture Show. Fox annuncia un remake televisivo gender free.

La FOX ha presentato la Comic-Con di San Diego una versione televisiva del Rocky Horror Show che andrà in onda il prossimo Halloween. 
Si tratta della prima versione video dell'opera Rock di Richard O'Brian dopo il film culto di Jim Sharman del 1973 con Tim Curry, lo stesso O'Brian e l'allora esordiente Susan Sarandon.
In questa versione televisiva della Fox sono state inserite anche le parti urlate dal pubblico che nel tempo, in più di quarant'anni di rappresentazione teatrale, sono diventate parte integrante dello script.
L'operazione non sembra male - c'è anche un cameo di Tim Curry nella parte del narratore -  se non fosse per la scelta della cantante transgender Laverne Cox nella parte di Frank'n'Further, l'extraterrestre travestito proveniente dal pianeta Transexual, che appare troppo "femmina" per il personaggio icona dell'ambiguità sessuale. 
Il tema dell'opera di O' Brian, manifesto della cultura gender degli anni '70, era proprio la bisessualità e il piacere del travestitismo e il personaggio di Frank'n'Further recita proprio "I'm just a sweet transvestite" nel brano con il quale compare sulla scena. Forse in Fox confondono travestiti con transessuali oppure hanno voluto mettersi al riparo dalle inevitabili accuse di diffondere la cultura gender tra i giovani visto che nel cast c'è la star degli adolescenti Victoria Justice: Una cosa è un uomo diventato donna e altra (più pericolosa) un uomo che si veste da donna. Don't dream it, be it.

(Continua a leggere)